Celti: Manannan Mc Llyr

Anche chiamato Arawn o nella mitologia gallese Manawydan.
E’ il figlio di Llyr e di Penardun, figlia di Donn.

Divinità preposta al controllo delle fonti d’acqua, dei fiumi, dei laghi e dei mari e degli oceani, Manannan ha anche funzioni di guardiano, infatti egli governa il cancello delle isole dei beati, ovvero egli è il custode dei morti, impedisce che i vivi e i morti si scambino i posti. nella mitologia irlandese egli non figura tra i Tuatha de Danann, infatti come Cerumno, egli partecipa ai cicli dei Tuatha de Danann ma come figura esterna alle guerre, egli e Cerumno prenderanno i loro titoli di divinità alla fine del ciclo dei Tuatha, quando questi ultimi ricompenserranno con poteri divini tutti i loro alleati.

Secondo alcune leggende il suo regno è una fortezza fatta interamente di ossa e a forma di alveare e chiamata Oeth e Anoeth – una prigione per gli esseri umani viventi che sconfinano impropriamente nell’Altromondo.

Nel Mabinogion re Pryderi invita Manawydan a vivere con lui nel Dyfed e a sposare sua madre Rhiannon. Un incantesimo fa sparire tutte le persone e tutti gli animali del Dyfed. Rimangono solo Manawydan, Rhiannon, Pryderi e sua moglie Cigfa.

I commenti sono chiusi.