[FAQ] Il ritorno delle Fate – A.C. Doyle

Domanda:
ciao, sto cercando disperatamente il libro “Il ritorno delle fate” ma non riesco a trovarlo da nessuna parte. Tu sai essermi di aiuto su dove e come poterlo acquistare?
Un’altra cosa, vale la pena la fatica che sto facendo per trovarlo o alla fine non è quel gran libro che penso sia?
Ti sarei davvero grato se volessi buttare via due dei tuoi preziosi minuti per aiutarmi.
Diego
Risposta:
Ciao Diego. Credo tu ti riferisca a: “Il ritorno delle fate” di A. C. Doyle.
E’ un libro un po’ particolare, interessante se vuoi scoprirne un po’ di più sulla storia di Cottingley.
Sul mio sito puoi trovare l’estratto di una lunga lettera.
“Il ritorno delle fate” è articolato in una Prefazione (pp. 47-48) e in otto capitoli (pp. 49-198), cui l’edizione italiana ha aggiunto, a mo’ di appendici, un’intervista rilasciata da Arthur Conan Doyle nel 1929 per la diffusione cinematografica (pp. 199-203); un articolo dello stesso autore con nuovi elementi a favore della veridicità delle fate, pubblicato su The Strand Magazine nel febbraio del 1923 (pp. 204-205); la prefazione alla seconda edizione dell’opera (pp. 206-208) e l’appendice alla medesima edizione (pp. 209-219).
Attraverso un minuzioso resoconto degli avvenimenti e delle ricerche condotte su di essi soprattutto da Edward L. Gardner, Arthur Conan Doyle intende condurre il lettore come in un’indagine poliziesca a riconoscere la fondatezza degli argomenti a favore delle fotografie di Cottingley in particolare alle due prime se ne erano aggiunte altre tre e dell’esistenza di fate, gnomi, elfi e altri esseri simili in generale. Ne emerge l’immagine di una natura popolata da numerosissimi esseri, visibili solo a chi abbia particolari facoltà medianiche talora le pellicole fotografiche… e in condizioni atmosferiche favorevoli, una realtà che solo l’interpretazione teosofica cui è dedicato l’ultimo capitolo (pp. 178-198) è in grado di penetrare.
Per come recuperarlo posso consigliarti di provare a chiedere alla biblioteca del tuo comune, esiste, oggi, un servizio inter bibliotecario molto utile a reperire testi poco diffusi come questo.
Oppure potresti cominciare a spulciare tra i banchi di qualche mercatino dell’antiquariato o in qualche libreria in cui si possa trovare testi fuori commercio o usati, perché penso che l’ultima pubblicazione risalga al 1992.

libri

Precedente [FAQ] Il posto delle Fate Successivo [FAQ] Teschi di cavallo