[Prontuario dei rimedi] Superstizioni legate alla nascita

Se più donne versano il tè da una stessa teiera, ci sarà una nascita entro nove mesi.

Se mangi spesso la razza, è probabile che la tua famiglia si accresca. Se mangi pesce gattuccio a maggio, avrai sicuramente un figlio maschio.

Se ti nasce un figlio con la luna calante, il prossimo sarà di sesso opposto; se ti nasce con la luna crescente, il successivo sarà dello stesso sesso; se lo partorisci nell’intervallo tra la luna vecchia e quella nuova, è destinato ad avere vita breve.

Per facilitare il parto, o alleviare il trapasso, adagia sul pavimento il materasso e spalanca porte e finestre; accendi delle candele per tenere lontani gli spiriti maligni.

Chi nasce con parto cesareo avrà forza straordinaria, potrà conversare con gli spiriti e scoprire tesori nascosti.

Il bambino che piange tanto sarà longevo. Perché sia anche fortunato, strofinagli il piede con una zampa di coniglio. Offri una presa di sale e un pezzetto di pane alla prima persona che incontri sulla strada della chiesa nel giorno del suo battesimo.

È invece di cattivo augurio:

fare nascere tuo figlio a maggio: avrà poca salute e scarsa fortuna. Infatti è risaputo: se allatti a maggio, lo allatti per la tomba;

fargli la culla con legno di sambuco, perché è l’albero della croce;

lavargli la testa prima che abbia compiuto l’anno. Lo stesso vale per le pieghe delle mani: con lo sporco, laverai via i soldi che potrebbe avere in futuro. Inoltre, se vuoi che da grande diventi ladro, nel primo anno di vita regola la crescita delle unghie non con forbici bensì con i denti. Unghie, capelli e denti di latte devono essere bruciati, perché non cadano nelle mani di una strega.

Bisogna anche evitare di:

solleticare la pianta del piede, perché il bambino non diventi balbuziente;

dargli il nome di un fratello o di una sorella morta; fare sapere il suo nome prima del battesimo;

battezzare prima le bambine e poi i bambini: le prime avranno modi virili, i secondi saranno effemminati.

Se vuoi conoscere il destino del tuo bambino fidati del detto:
«Chi nasce di domenica è pieno di grazia,
chi nasce di lunedì è bello di faccia,
chi nasce di martedì è triste e severo,
chi nasce di mercoledì è lieto e sereno,
chi nasce di giovedì è incline a rubare,
chi nasce di venerdì ama donare,
chi nasce di sabato deve sudare e lavorare.»

Le nascite hanno luogo con il montare della marea; le morti, con il riflusso.

 

Precedente [Prontuario dei rimedi] Superstizioni di varia natura Successivo Le fate irlandesi