[Autore] Andrew Lang

(Selkirk, 31 marzo 1844 – Banchory, 20 luglio 1912)

È stato uno scrittore e poeta scozzese, oggi maggiormente conosciuto quale uno dei più importanti scrittori folkloristici e di racconti di fate.
Venne educato alla Scuola di Grammatica di Selkirk, all’Accademia d’Edimburgo, all’Università di Sant’Andrea Università di St. Andrews  e al Balliol College, a Oxford. Come giornalista, poeta, critico e storico, si fece presto una reputazione come uno dei più capaci e versatili scrittori dell’epoca.
Fellow del Merton College a Oxford e presidente della Folklore Society. Il suo nome resta legato soprattutto ai lavori storico-religiosi ed etnologici. Fu il primo a valorizzare le testimonianze sulle credenze di popoli assai primitivi (specialmente australiani) in un essere supremo, contrapponendosi all’evoluzionismo tyloriano e aprendo la strada alla teoria del monoteismo primordiale, propugnata dalla scuola storico-culturale di W. Schmidt. Per il resto, non si scostò sostanzialmente dall’indirizzo dominante: sostenne la priorità del rito rispetto al mito, trovò originali riscontri tra la religione greca e le religioni primitive, ecc.
Delle sue opere letterarie, critiche e storiche si ricordano le poesie raccolte in Collected poems (post. 1923), i saggi Letters on literature (1889), Shakespeare, Bacon and the Great Unknown (1912), la grande History of Scotland to the suppression of the last Jacobite rising (4 voll., 1900-07) e gli studî su Omero, tra cui The world of Homer (1910). I suoi studi etnologici più importanti sono: Custom and myth (1884); Myth, ritual and religion (2 voll., 1887; 2a ed. riv. 1899); The making of religion (1898); Magic and religion (1901); Social origins (1903); The secret of the totem (1905).
Lang era il maggiore tra gli otto figli di John Lang e di sua moglie, Jane Plenderleath Sellar, figlia di Patrick Sellar.
Il 17 aprile del 1875 sposò Leonora Blanche Alleyne, figlia minore di C. T. Alleyne di Clifton e Barbados.
Morì di angina pectoris al Tor-na-Coille Hotel, a Banchory. Fu sepolto nella cattedrale di quartiere di Sant’Andrea.

Le favole di Lang

Precedente L'alba accanto ai cipressi Successivo [Articolo] Gli animali nelle Fiabe