Per Melusina

(Dante Alighieri)

Guarda, assisa, la vaga Melusina,
Tenendo il capo tra le ceree mani,
La Luna in arco da’ boschi lontani
Salir vermiglia il ciel di Palestina.
Da l’alto de la torre saracina,
Ella sogna il destin dè Lusignani;
E innanzi al tristo rosseggiar dè piani,
Sente de ‘l suo finir l’ora vicina.
Già, già, viscida e lunga, ella le braccia
Vede coprirsi di pallida squama,
Le braccia che fiorian sì dolcemente.
Scintilla inrigidita la sua faccia
E bilingue la sua bocca in van chiama
Poi che a ‘l cuor giunge il freddo de ‘l serpente.

Precedente La pietra del destino Successivo [Al Ciacaròn dla Stasiòn] Sogni di ragazza

Lascia un commento

*