[Autore] Thomas Crofton Croker

(Cork, 15 Gennaio 1798 – Londra, 8 agosto 1854)

È considerato il pioniere della ricerca folklorica nelle Isole Britanniche. Amico dei fratelli Grimm, che tradussero le sue opere in tedesco, e di Walter Scott, Charles Dickens e Thomas Moore, pubblicò numerose opere quali Legends of the Lakes, Popular Songs of Ireland, Researches in the South of Ireland, The Keen of the South of Ireland.

Era un antiquario irlandese, nato a Cork. Per alcuni anni ha ricoperto una posizione nella Admiralty, dove il suo lontano parente, John Wilson Croker, fu suo superiore. Lo stesso Croker dedicò gran parte della sua vita alla raccolta di antiche poesie e folklore irlandese. Aiutò a fondare il Percy Society e la Camden Society. Lui e sua moglie testimoniarono in prima persona circa alcuni strani eventi legati alle cerimonie funebri, in particolare la tradizione di piangere il defunto con lunghi e prolungati gemiti, sono tra i contributi più antichi e più significativi per la comprensione della lingua irlandese e le tradizioni che l’accompagnano. Il suo lavoro, Leggende di fate e di tradizioni del sud dell’Irlanda, ha avuto ben sei edizioni all’attivo ed è stato tradotto in tedesco dal fratelli Grimm. Pubblicata per la prima volta nel 1825, quest’opera, ritenuta uno dei grandi classici della letteratura d’ogni tempo, è la più importante raccolta di fiabe e racconti popolari irlandesi mai apparsa.
Al tempo in cui Croker ascoltò dalla viva voce dei contadini questi racconti, l’Irlanda era ancora un paese in cui la tradizione druidica dello seanchaí, del raccontatore di storie, era ben viva, e la credenza nell’esistenza del Buon Popolo, e in generale negli esseri soprannaturali che dimoravano in ogni corso d’acqua, in ogni vallata, in ogni cairn, in ogni “circolo fatato”, diffusa in ogni contea del Paese.
Alimentate dall’incomparabile ironia e humour irlandese (irresistibile in racconti come Le confessioni di Tom Burke o nel famosissimo Daniel O’Rourke, che conquistò rapidamente tutti i salotti londinesi e divenne una pantomima, rappresentata con successo al teatro Adelphi per varie stagioni) queste storie ci riconducono nell’universo fatto di sogni e nebbie delle saghe celtiche, dove vivono gli eroi, gli dei, gli esseri immortali delle potenze superiori.
Croker è morto nel 1854 ed è stato sepolto nel cimitero di Brompton, Londra.
T.F. Dillon Croker era il suo unico figlio.

Precedente La cura di tutto Successivo Felice Beltane

Lascia un commento

*