[LEGGENDA] Tír Na nÓg – La leggenda di Oisín e Niamh

Shauna O’Halloran racconta di Tír Na nÓg, La leggenda di Oisín e Niamh e la terra dell’eterna giovinezza.

C’era una volta, molti anni fa, un grande guerriero di nome Oisín, figlio del leggendario Fionn Mac Cumhaill, o Finn MacCool nella sua forma inglese. MacCool era il capo di Fianna – un gruppo di grandi protettori che custodiva l’Alto Re d’Irlanda – e ogni giorno Oisín e il Fianna esploravano bellissime colline verdi dell’Irlanda mentre cacciavano per le loro terre. Un giorno Oisín e il suo Fianna videro un bellissimo cavallo bianco in lontananza e sul dorso la più bella giovane donna che avessero mai visto. I suoi capelli erano color del sole che le scendevano fino alla vita, e indossava un vestito di un blu pallido tempestato di stelle. Era circondata da una luce dorata.

Mentre la bella donna e il suo cavallo si avvicinavano, tutti gli uomini si fermarono sulle loro tracce, aspettando di sentire cosa aveva da dire.
«Il mio nome è Niamh», disse la fanciulla dai capelli d’oro, «mio padre è il re della mistica terra di Tír Na nóg, una terra che non conosce dolore e dove nessuno invecchia mai. Ho sentito cose meravigliose di un grande guerriero di nome Oisín, e sono venuta a portarlo con me nella Terra dell’Eterna Giovinezza.»
Oisín si innamorò immediatamente di Niamh e, sebbene fosse triste nel lasciare suo padre e il Fianna, accettò di unirsi a Niamh a cavallo per andare a vivere a Tír Na nÓg, promettendo a Finn MacCool che sarebbe tornato in Irlanda per rivederlo presto.

Il bel cavallo bianco, di nome Embarr, galoppò attraverso i mari argentati nella terra magica di Tír Na nÓg. Come Niamh aveva promesso, questa era una terra dove nessuno conosceva la tristezza e dove nessuno mai invecchiava, tutti lì vivevano per sempre. Insieme, Niamh e Oisín, trascorsero molti bei momenti, anche se c’era una piccola parte del cuore di Oisín che si sentiva sola.
Gli mancava la sua terra d’Irlanda e desiderava vedere di nuovo suo padre e il Fianna.

Oisín pregò Niamh di lasciarlo tornare in Irlanda, ma lei era riluttante. Sebbene Oisín pensasse che erano passati solo pochi anni, in realtà erano già passati 300 anni in Irlanda, poiché nella terra di Tír Na nóg il tempo rallentava. Alla fine Niamh, vedendo quanto ad Oisín mancasse la sua famiglia accettò di lasciarlo tornare in Irlanda per vederla di nuovo.
«Prendi il mio cavallo, Embarr, è magico», gli disse «Non scendere da questo cavallo e non lasciare che i tuoi piedi tocchino terra, altrimenti non sarai più in grado di tornare a Tír Na nÓg di nuovo.»

Oisín si avviò, attraverso il mare sul cavallo bianco di Niamh e arrivò in Irlanda. Quando arrivò lì vide che le cose erano cambiate. Il Fianna non cacciava più sulle verdi colline e il grande castello che un tempo ospitava la sua famiglia si stava sgretolando ed era ricoperto di edera. Mentre cercava qualcuno familiare nelle verdi colline, Oisín incontrò alcuni vecchi, che stavano avendo difficoltà a cercare di spostare un enorme roccia. Si chinò dal suo cavallo per aiutarli, ma così facendo perse l’equilibrio e cadde da cavallo. Nel momento in cui Oisín toccò il suolo irlandese i 300 anni che aveva passato lontano dall’Irlanda gli piovvero addosso.

L’uomo, divenuto anziano e fragile, chiese a coloro che si era fermato ad aiutare di suo padre, Finn MacCool, e loro gli dissero che Finn era morto molti anni prima. Di cuore spezzato, e di molte centinaia di anni, Oisín morì poco dopo, ma non prima di aver condiviso le leggende e le storie del Fianna, di suo padre, il grande Finn MacCool, e della terra magica dell’eterna giovinezza che è Tír Na nÓg.
Ed ancora oggi in Irlanda queste leggende vivono.

Pronuncia dei nomi Irlandesi:

  • Oisín (ush-een) Grande guerriero, figlio di Finn MacCool, capo del Fianna.

  • Fianna (fee-ana) Gruppo di guerrieri d’elite che cacciavano sulle verdi colline d’Irlanda e proteggevano l’Alto Re.

  • Tír Na nÓg (teer-na-nogue) Terra magica, oltre il mare, dove il tempo si ferma, non si invecchia e la tristezza è conosciuta.

  • Niamh (neeve) Bellissima giovane dai capelli color dell’oro, figlia del Re del Tír Na nÓg.

Precedente Tradizioni e Leggende celtiche Successivo [FIABA] L'Oro è un premio raro